FIVETTA volantino fronte social

Gli strani effetti del Giaina Impact e fatti di gas

Scritto da Petaloblu. Postato in Blog

20 Dic 2012

maallora

A questo punto và definita la faccenda. Eh sì perchè troppe cose sono successe in questi giorni, troppe cose sono passate per la mia testolina ..ormai ho i pensieri totalmente cotonati e i più formati ed equilibrati ballano la lambada ogni tre ore quando invece dovrebbero essere saggi e silenziosi.

Mi aiuto con un modesto elenco e da questo ne cavo dei punti clou.

Mentre scrivo al piano di sopra corrono e gridano i bambini dei miei amici, figli della mia vicina..e tutto mi sembra tanto familiare, tanto “casa”. Mi manco io da piccola e mia sorella anche, mi manca quell'aria lì, di protezione e di “culla”, quell'aria che solo i bambini in famiglia riescono a dare, un aria da Isola che non c'è.

Comunque, ecco le cose che ho fatto in questi giorni, che mi sono successe, con cui mi sono Anacletata:

  • ho ripensato al mio sweet november, fatto di nascite a gogò, di annunci, foto, di annunci a lavoro e per fortuna ero malata a casa su skype in riunione e ho potuto far finta che la camera non funzionava. Ho ripensato al crollo, perchè di questo si tratta, e a quanto di positivo ha portato.

  • Ho pensato al misirizzi...alla sua innata capacità di tornare sempre al suo posto dopo un momento di sbilanciamento. Ho pensato che le persone e in particolare le donne sono così e mi sento sempre più vicina al capire quando esattamente sto per toccare terra in un momento di grande sbilanciamento perchè ho imparato a sentire il ritmo di un cuore in cerca di qualcosa che possa destabilizzare l'equilibrio, qualcosa di grande e bello. Ho imparato ad accorgermi di un ritmo che non ha regole.

  • Ho aspettato il termine del ciclo e sono andata da una ginecologa esperta in infertilità di coppia e in fecondazione assistita. Ripeto: esperta in infertilità di coppia e in fecondazione assistita.

  • Ho capito che non si impara mai abbastanza e non è permesso alla gentilezza di essere scortese. Ho capito che ciò che vuole essere gentile spesso rischia di essere scortese. Ho capito che a volte ascoltare è la cosa davvero più gentile che possa esserci.

  • Mi sono trovata senza mutande in una stanza di uno studio privato e per la prima volta ho sentito che non sarebbe stata una situazione limite, estrema e fugace ma che sarebbe stata la prima di tante situazioni simili.

  • Ho capito che mi dovrò depilare molto spesso nei prossimi mesi.

  • Ho bevuto un po' più della norma stabilita negli ultimi mesi. Cioè due bicchieri a sera nell'ultima settimana.

  • Ho capito che potrei aspettare molto più del normale

  • Ho capito che babbo natale ha fiondato il mio regalo dell'anno scorso giù per la steppa e spero che quest'anno me lo porti,stò regalo, ma renna majala!

  • Ho capito che non tutti vogliono sentire i miei dubbi e i miei pensieri monotematici

  • Sto cercando di non sentirmi in colpa e di non pensare che sono monotematica ma quanto meno di riconoscere che sono monosogno, per ora.

  • Ho mangiato la cioccolata ma una cifra proprio

  • ho parlato con la mia cara amica e mi sono sentita di nuovo protetta, ho bevuto con lei, parlato e guardato i libri e insieme a lei non ho potuto comprarne nemmeno uno ma abbiamo fantasticato in molti di questi. Rigorosamente fumetti.

  • Ho fatto le analisi, e di nuovo e di nuovo. E devo tirnare per i tamponi.

  • Ho iniziato ad avere paura per i risultati.

  • Ho iniziato un percorso di indagine sull'infertilità.

  • La dottoressa ha verbalizzato che “a questa età e dopo tutti questi tentativi anche mirati, un problema di sicuro, c'è”

  • Ho capito che il prossimo mese se tutto và bene devo andare un giorno sì e uno no a fare il monitoraggio dell'ovulazione

  • Ho pensato che non so come argutamente farò a giustificare i cambi turni al lavoro vojò ridè.

  • ho capito che non mi seve il monitoraggio, che è un contentino per darci un mesetto in più di speranza e che il vero obiettivo è l'isterosalpingografia.

  • Ho capito che non ho proprio pensato a cosa accadrà se avrà un risultato positivo o negativo.

  • Ho perso completamente la brocca e non ho rispettato il mio substrato di radicale pignoleria da vera Acquaria quale sono e dalla ginecologa ho veramente ma veramente fatto una gran figura da ebetona (per di più sine mutanda)

  • ho ricordato di mia zia e il suo tumore all'utero che mi faceva paura e non mi ha fatto andare dalla ginecologa per anni perchè “ho paura che mi dicano che non potrò avere figli”. Ho ricordato lei e tutto ciò che ha trasmesso a me e al mio clown

  • Ho appena ricordato che non vi ho detto che sono un clown dottore, di quelli veri. Da sette anni. Ora l'ho fatto.

  • Ho un vestito e un giubbotto per un matrimonio che porcavacca comprai l'anno scorso e porca vacca sembrano totalmente, ineluttabilmente praemaman E io indossendoli sembro totalmente e ineluttabilmente praefregata. Ho una sciarpa che mi legherò con nodo scout in vita a effetto strizzato e sperò che nessuno mi chieda quella cosa lì , che la pesta mi colga.

  • Ho paura che ci saranno altri annunci.

  • Ho paura di come verranno fatti.

  • Ho fatto molti viaggi in macchina a lavoro a parlare con la mia collega del parto con placenta, delle stelle di luce che ha visto prima di scprire di essere incinta e delle teorie essene.

  • Voglio tanto bene alla mia collega ma ho pensato da quel giorno che finchè non vedrò le luci saremo ancora soli e cerco come una cretina le luci a momenti mi lancio un libro in faccia per vederle e credere che un' anima stia arrivando, essena o ciociara, quello che sia.

  • Ho comprato molte calzamaglie, a cuori a pois. Ho quindi scoperto che la calzamaglia è un mio nuovo feticcio e che potrei chiamarla calza anziché calzamaglia che è molto retrò/paesana.

  • Mi ha scritto una donna amica bellissima. Mi ha dato tanta tanta forza.

  • Ho fatto una figuraccia ma una figuraccia all'ospedale per il tampone che la dirò più avanti in un post dedicato.

E per ultimo giusto per terminare l'elenco in bellezza, ho fatto per la prima volta

IL PIENO DI GAS DA SOLA.


Sì, vero!

Ho sempre avuto paura di saltare in aria col gas.

Una volta in sicilia sono scappata correndo fuori dalla macchina perchè il gasatore (colui che mette il gas) aveva la sigaretta accesa (che gli possa cascà un intero banano in testa!) e mio marito ha urlato e io per sfuggire dal gasatore mi stavo facendo investire da un carretto siciliano.

Immagina la scena:

caldo e marranzano

teundeteundedeteunteunteunteun..

una svampita ciociara ca corre dal parcheggio del benzinaio..

un siciliano che urla incazzato dall'auto..

e sulla strada un carretto che a momenti fa strage.

Neanche al film “Il padrino” tanta suspance.


Comunque sono andata, ho preso la tessera ENI, la carta per i timbri, il ninnolo che infilano lì per fare gas, ho abbassato il finestrino e con tono suadente ho detto, col fard in gota: “gas per favore”

......cretina! Eccerrto! Là c'è solo gasse!.....Vabbè.

E poi ho detto “ sì il pieno”. Chiaramente quello già aveva fatto tutto e io stavo parlando al finestrino ma voglio credere che il dio del gas mi abbia sentita, che il mio furore lo colga!

Poi loro, i gasatori (coloro che mettono il gas) hanno scherzato sul calcio e io per timidezza e per fermare la discussione che poteva sfociare in un ampio dibattito interculturale a tratti comunista, ho dichiarato che ero del Frosinone. E lì il gelo. La fine di un'amicizia.

Ebbene sì, è così che ho conquistato un pezzo di grande autostima.

Sono andata da sola fare gas.

E per un momento ho dimenticato che starò senza mutande ancora per un bel po'.


P.S.(E Se questa è la terapia minimo tra due mesi pitto un bel paio di mutande sul portabagagli della macchina. Che il FoRuto ci salvi!)

Lascia il tuo commento

Post comment as a guest

0
termini e condizioni.
Testi e foto sono di proprietà di "ealloraseiincinta?"
Copyright © 2012

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.